Visualizzazioni totali

sabato 25 agosto 2012

UN PONTE PER LA SOLIDARIETA'


  SOLIDARIETA’   COME EREDITA’ CULTURALE

http://youtu.be/rESw6zBXmvs
Quando i bambini fanno oh ....
  
  La scuola Giuriolo  cessa di esistere il  31/08/2012 .
I  suoi  plessi  diventeranno realtà di due istituti comprensivi  (plesso Zanella  nell’IC 1 di Arzignano –plessi Motterle e Beltrame nell’IC 2 di Arzignano) 


 
Ma la scuola  lascia una eredità ai  suoi studenti,  “nel nome di A. Giurolo”,  nell’amore di don Milani”.
Si tratta di  un gesto di solidarietà, a nome e per conto degli stessi ragazzi dell’ Istituto, verso altri compagni di scuola, bambini e ragazzi,che stanno oggi vivendo il dramma del terremoto in Emilia Romagna.               
E’ un GESTO con cui si è dato il via ad ….alcune proposte  concrete di solidarietà espresse dai ragazzi rappresentanti della scuola, pubblicamente in più occasioni nel corso dell’anno scolastico 2011/2012.

Viviamo, purtroppo, in un tempo contrassegnato da una profonda crisi: essa investe non solo l’aspetto economico, ma si insinua in maniera diffusa e radicale in tutto il tessuto della nostra società, che si ritrova povera di valori e di ideali, priva di speranza, incapace di sognare e progettare un futuro diverso, fatto di corresponsabilità, di giustizia, di uguaglianza, di legalità.
Ma riportando un messaggio pubblico del dott Franco Venturella , dirigente dell’UST  di Vicenza :
E’ l’amore la forza sotterranea che sostiene il mondo, che “move il sole e l’altre stelle”, tesse relazioni, genera accoglienza e dialogo, dona luce, forza, per affrontare i problemi con coraggio e per aprirci al futuro con speranza.
 Tutto l’universo obbedisce all’amore ”.

E’ l’amore per i ragazzi la molla che ha fatto ancora una volta agire la scuola Giuriolo.

Essa ha inteso, come ultimo suo atto, iniziare un rapporto di solidarietà con l’Istituto comprensivo di Novi di Modena "RENZO GASPARINI"  (progetto Adotta una scuola terremotata), con il Comune di Cento (progetto UNICEF).


Lo ha fatto quando le lezioni scolastiche erano terminate e iniziava il periodo delle vacanze estive; i ragazzi non sanno nulla. 

E’ auspicabile  ora che i ragazzi dei due istituti di Arzignano  siano INFORMATI a settembre 2012 dai docenti dei rispettivi istituti. 

Si confida che si continui il rapporto di amicizia con i coetanei dell’Emilia (magari con un gemellaggio) perché solo la solidarietà è Amore e l’Amore è … Vita

Da parte mia continuerà  l'impegno con e per i ragazzi 
http://donataalbiero.blogspot.it/2012/08/bambini-ragazzi-giovani-soggetti-attivi.html
   
 Donata Albiero              25/ 08/2012                      
                    
ALLEGATI   
                    
  •  Delibera  del consiglio di istituto A.  Giuriolo di Arzignano
  •  Note  intercorse  tra scuola di Arzignano e di Novi; tra scuola di   Arzignano   e  comune di Cento  tramite Unicef 
DELIBERA
IL CONSIGLIO DI ISTITUTO
 VISTA   la propria   DELIBERA n° 18 del 18/04/2012;
CONSIDERATI gli eventi  che hanno successivamente colpito molte zone dell’Emilia Romagna 
con il TERREMOTO, la cui prima scossa è avvenuta il 20 maggio ;
PRESO ATTO  dei danni che hanno colpito le zone tra Finale, Mirandola, Cento, San Felice, Novi;
SENTITA  la proposta di solidarietà della dirigente scolastica Donata Albiero per una scuola di  Novi e per i bambini delle tendopoli di Cento;
DECISO di esprimere la mission della scuola Giuriolo per una solidarietà concreta ai bambini/ ragazzi che si trovano sfollati dalle case e dalle scuole nelle tendopoli;
VALUTATA  quindi l’opportunità di assegnare parte del ricavato della vendita all’asta dei quadri 
(realizzati dai ragazzi), ammontante a €13.500,00,alle scuole colpite dalla calamità del terremoto in Emilia;
                                 all’unanimità di voti  
 modifica la delibera n° 18 del 18/04/2012 e conseguentemente la convenzione stilata con il comitato dei genitori (ART.3  Modalità di svolgimento attività) come segue:
omissis…
  Il comitato dei genitori si impegna a versare l’’ importo ricavato pari a             € 10.000  (DIECIMILA),  a I. C. “R.Gasparini” NOVI DI MODENA , Via XXIII Aprile 33-41016,  DS Rossella Garuti, precisando che lo effettua a nome e per conto della scuola media Antonio Giuriolo di Arzignano;
  Il comitato dei genitori si impegna a versare all’Unicef di VI1000,00 (MILLE)  per l’acquisto di 50 pigotte da destinare ai bambini sfollati del comune terremotato Cento tramite la protezione civile degli Alpini di VI, precisando che si tratta degli alunni  della  media Giuriolo di Arzignano

GIUGNO 2012
\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\

CORRISPONDENZA  tra dirigenti  Donata Albiero  e Rossella Garuti   dell'IC Gasparini di Novi

Scrive la dirigente  di Novi
A nome di tutto il collegio, dei ragazzi dei genitori dell'IC di Novi e Rovereto di Modena un grazie grande come le scuole che ri-costruiremo
Vi alleghiamo il progetto completo   a cui gli ingenti fondi che ci avete destinato saranno investiti. Un invito in terra modenese per sempre!  
             Cordiali saluti  Rossella Garuti

Risponde  la dirigente  di Arzignano         
Mi piacerebbe  che questa esperienza di solidarietà proseguisse a SETEMBRE.  I nostri ragazzi della media non sanno della decisione,  fatta a nome loro e a settembre saranno in due istituti diversi per effetto del dimensionamento. Sarebbero, ancora una volta, uniti nel praticare una ‘mission’ che ha sempre caratterizzato la scuola Giuriolo
  Ciao   Donata Albiero

Replica  la dirigente dell’IC di Novi il 30 giugno  
Oggetto: R: grazie, non ci sono altre parole    
   Grazie cara Donata , vedrai che per settembre riusciremo a organizzare qualcosa per fare incontrare i ragazzi e incontraci noi.
Un abbraccio forte da tutti noi dell'IC di Novi e Rovereto  
 Rossella
PS Abbiamo messo il verbale del tuo consiglio di istituto sul sito, mi sembrava così bello e importante.                                        


'UNICEF Italia 
vicino alle popolazioni colpite dal terremoto in Emilia Romagna
«Il terremoto nelle zone colpite ha lasciato un grande vuoto, una grande paura, un grande dolore. Oltre ai danni al nostro patrimonio artistico e al tessuto industriale, ci sono stati dei morti e purtroppo molti bambini hanno perso un luogo sicuro e confortevole in cui poter vivere; altri invece, per molto tempo, non sentiranno di essere al sicuro» ha dichiarato il Presidente dell'UNICEF Italia Giacomo Guerrera. 
«A nome di tutti i volontari dell’UNICEF esprimo solidarietà e vicinanza ai bambini e alle famiglie vittime di questo disastro.
L’UNICEF Italia e i suoi volontari si stringono attorno alle persone colpite dal terremoto. Il sostegno di tutti è un grande supporto per ricostruire e ridare sicurezza a chi è stato colpito, soprattutto ai bambini. La disponibilità e il tempo di ognuno di noi, di ognuno dei nostri volontari, laddove richiesti, saranno un piccolo aiuto per ripartire subito.».

Comitato UNICEF Vicenza
 Una Pigotta per far sorridere i bambini terremotati dell'Emilia
 I volontari del Comitato provinciale per l'UNICEF di VI, in collaborazione con la Protezione Civile  della sezione Alpini di Vicenza, hanno organizzato un'iniziativa per regalare un sorriso ai bambini terremotati dell'Emilia.                                                                                                                 
 Il terremoto, infatti, spaventa tutti, ma quelli che patiscono di più sono i bambini. Ed è proprio a loro che è dedicata questa bella iniziativa.
Chi lo desidera può passare alla sede del Comitato provinciale per l'UNICEF di Vicenza e adottare una Pigotta, la bambola di pezza dell'UNICEF che salva la vita dei bambini. L’offerta continuerà a sostenere la campagna contro la malnutrizione in Africa, la bambola, invece, lasciata all'UNICEF, verrà portata dagli Alpini di Vicenza nel campo di Cento, da loro gestito.     
I bambini  del campo di Cento sono tanti e hanno i visetti di tutti i colori, perché lì è presente il mondo intero.    Intanto cominciamo con questo campo.  Se la generosità dei vicentini ce lo consentirà, potremo far sorridere anche i campi di Finale Emilia e S. Felice sul Panaro.                  
 Aiutateci ad esaudire questo desiderio!
\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\

Comitato   UNICEF Vicenza
Le Pigotte arrivano anche al Campo di Santa Liberata di Cento
 Domenica 29 luglio, alla presenza del Sindaco di Cento (FE), degli Alpini della Protezione Civile di Vicenza, dei rappresentanti dei Comitati provinciali per l'UNICEF di Vicenza e di Ferrara presso il Campo di Santa Liberata, verranno distribuite  le Pigotte raccolte con l’iniziativa "Adotta una Pigotta per far sorridere i bambini delle zone terremotate". Nell'ambito della manifestazione sarà anche offerto un presente augurale alle donne in attesa di un bambino.
In rappresentanza del Comitato provinciale per l'UNICEF di Ferrara saranno presenti all'evento il Presidente Gianni Cerioli insieme alla volontaria Carla Resca, per il Comitato provinciale per l'UNICEF di Vicenza parteciperà la Segretaria Beatrice Rizzetto mentre gli Alpini della Protezione Civile di Vicenza saranno rappresentati dal Sig. Roberto Toffoletto
L’iniziativa, resa possibile dalla solidarietà dei donatori e dall’impegno dei volontari del Comitato di Vicenza che ha lanciato l’iniziativa e di quello di Chiavari che si è aggiunto, esprime l’abbraccio dell'UNICEF a tutti i bambini in difficoltà e il desiderio di condividere il loro disagio regalando loro la Pigotta, la famosa bambola di pezza che rassicura chi la tiene in braccio .
E' doveroso sottolineare che i ragazzi della "Giuriolo" di Arzignano (VI) hanno adottato ben cinquanta di queste simpatiche bambole.
Desideriamo esprimere un grazie sentito alla Protezione Civile degli Alpini di Vicenza che ha collaborato con la sede provinciale dell'UNICEF per rendere possibile l’iniziativa.

1 commento: